Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.

La verifica partita Iva sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Come si esegue la verifica di una partita Iva

Grazie a un servizio dell’Agenzia delle Entrate è possibile eseguire on-line la verifica partita Iva. Inserendo il relativo numero, il sistema in pochi passi restituisce le informazioni corrispondenti al numero, registrate presso l’Anagrafe Tributaria.

Procedura

Dopo aver inserito il numero e il codice captcha di sicurezza, si ha la verifica partita Iva. I dati forniti dal sistema riguardano:

  • Lo stato di attività.
  • La denominazione del soggetto o nome e cognome della persona fisica che ne è titolare.
  • La data di inizio dell’attività.
  • Eventuali periodi di sospensione e cessazione.

Lo scopo

Questo sistema di verifica partita iva è stato introdotto per cercare di limitare le frodi in materia di Iva ed è stato voluto dall’articolo 35-quater del Dpr n. 633 del 1972 (introdotto dall’articolo 8, comma 9, lettera b), del decreto legge n. 16 del 2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 44 del 2012).

Verifica partita iva comunitaria

Per quanto riguarda le attività estere in paesi facenti parte dell’Unione Europea, bisogna rivolgersi al sistema VIES (Vat Information Exchange System) che permette di effettuare i controlli su ciascuna banca dati nazionale inserendo sia i dati dell’azienda che stiamo cercando che i dati del richiedente (nazionalità e numero partita iva).

Per essere iscritti al Vies, le nuove partite iva dovranno indicare nel quadro “I” della Dichiarazione di inizio attività, l’intenzione di eseguire operazioni intracomunitarie; per le vecchie partite iva invece dovrà essere presentata apposita istanza di iscrizione al Vies.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*